5) a Sarreda

Parch una "d" "a Sarreda" ?

A scrittura c "d" p surprende una parsona di u rughjone, ch par isse loche n si sente c "Sarrera". Ma qu accorre sap o av rimarcatu parlendu c a ghjente d'inaltr in Corsica, ch e "d" intarvucaliche si dicenu "r" (pede si dice "pr", ride si pruncuncia "rir", o Dominique si dice "o rominique", par madonna si sente "maronna" par esempiu). Istu finominu h chjamatu di solitu "u ratachju", o din "u rutacisimu" ind'una lingua pi tecnica. Ma tandu, postu ch tuttu inghjunu prununcia "sarrera", cumu f par sap s'ellu ci vole scrive "Sarreda" o "Sarrera" (cum' annant' i scrittoghji) ?

In irrialit, in lu so dizziunariu (scrittu tr u 1950 1965), Ceccaldi scrive "Sarreda". Si p pins a prima ch u prublema era u listessu tandu, ch'ella n c'era micca ragione di pi par prifirisce a scrittura "Sarreda" quella "Sarreda". Ma lighjendu un cuntrastu scrittu da Maistrale, "u Chidazzese u Pianacciu", forse scrittu versu u 1920, si vede ch' un momentu datu u Chidazzese si vole ride di u Pianacciu causa di a so manera di prununci e "d" ( e "l" din) cum' e "r" : "...c ru vostru zanu... ti voli rire di m... ". H prubabule ch quessa sia u segnu ch'ella n fussi sparta in tuttu u rughjone a prununcia di e "d" in "r" quelli tempi, dunque ch'ella ci fussi ghjente (forse cum' Ceccaldi ?) par d "SarreDa" invece di a prununcia "SarreRa" ch corre oghje da partuttu quant'ellu pare.

Da nut l'esempiu di "Santa Degna" sempre prununciatu "Santa Regna" (o "Santa Legna"), ch mostra cus a prussimit naturale tr ste lettare qu. Ma qu h sicura ch'ella n possa esse una "r" u principiu di "Degna", datu ch'in lu rughjone una "r" ch cumencia una parolla h assai incalcata, doppia si p d.

Nome di l'abitanti : i Sarridacci

Pupulazione : 114 (2005)

Data di criazione : ?

 

 

scrittoghju stradale di a Sarreda

vista da ins di a Sarreda

vista da a Bocca di u Furcatu

vista di a parte punente di u paese

u Capu d'Ortu da a Sarreda

a marina di Bussaia

vista da u paese supranu

 

 

 

 

Vult