1) Storia di a pieve

 

 

 

● Si s pocu riguard' a storia di u paese di Marignana.

 Sicondu Jean-Marie Arrighi, i suffissi -anu, -ana, in particulare in lu casu di Marignana,  insegnanu u nome d'un anzianu prupietariu rumanu.

 Si p inciart ch'ellu sia statu fundatu u paese tr a fine di u 15u seculu u principiu di u 16u seculu, forse intornu u 1500 :

 infatti, u paese n h micca mintulatu (n da paese, n mancu da cummunit) ind'un ducumentu di u 1485, ind'ellu si trova puru 17 cummunit stallate tandu (fr quelle : Revinda, Evisa, Lo Tasso, e Cristinacce, Sia, Ota Paomia), invece ch u so nome spunta fr i stabulimenti di a pupulazione ripirturiati in lu 1530. Eccuci une poche di e cummunit esistente in lu 1530 : Evisa, Arragio, Lo Tasso, Marignana Chidazzo.

Ind' " Elments pour un dictionnaire des noms propres" di l'Adecec, si tratta di u paese in lu 1520. Sicondu issu stessu ducumentu, h tandu dighj parte u paese di a pieve di "Sevendentro", ch'inchjude allora (scrittura di u ducumentu rispittata) : Laragio, Evisa, e Cristinachie, Lo Taxo, Chidazzo Marignano. Sott' Arragio o Laragio, Lo Tasso o Lo Taxo, ci vole ricunnosce di sicuru :  l'Araghju (prununzia : a-raghju) u paese oghje in irruvina di u Tassu.

 Si s quantunque ch Chidazzu h statu pupulatu u prima, da pastori niulinchi ch traficavanu quindi par muntagn impiaghj. Pocu tempu dopu, p e listesse cagione si s stallati uni pochi d'elli in lu locu dettu "Marignana" (o "Marignano" ?), ch'h in fatta fine attrattu abitanti di pi.

 Tandu (almenu tr u 1485 u 1530), cum' no l'avemu appena vista, c'era a pieve di Sevendentro, ma c'eranu din quelle di Sia (inc par un dettu : Ota, Sia, Astica, Vetricia, Curzo fin' u 1485; eppo' solu Ota, dopu ch'elli s fughjiti in Balagna l'abitanti), di Salogna (inc par esempiu : a Piana, Vistale, Revinda), di Paomia (unica cummunit : Paomia). Ci h ancu stata quella di Revinda mentre uni pochi d'anni, ma h prestu (innanz' u 1500) stata ingutappata da quella di Salogna.

 

 Causa di e verre successive appunendu prima i Cinarchesi Ghjenuva quant' l'Uffiziu di San Ghjorghju, l'abitanti di u Sia s stati astrinti da u guvarnatore svit u rughjone da stallassi in la marina di Calvi, n s pussuti vult c in lu 1516, sicondu certe cundizione.

 Allora principia un piriudu d'assalti da i pirati turchi . E coste s d'evidenza e prima minacciate, ne pate a pupulazione lucale. A pieve di Salogna h attaccata parechje volte suvente in difficult. Collanu ancu in muntagna i pirati , cum' in lu 1550, quand' u paese d'Evisa h assaltatu 80 omi (vale d u quartu di i 260 abitanti cinsati in lu 1537) fatti  prigiuneri purtati via.

Da impidisce a scappera in muntagna di i Salugnesi ch stanu in tagliu di mare, l'Uffiziu di San Ghjorghju intraprende a custruzzione ( contu di i paisani) u rinfurzamentu di torre marine : tr u 1548 u 1550 s dicise a furtificazione di a torra di Sia (torra di Portu oghje) a custruzzione di u furtinu di Ghjirulata.

a torra di Portu oghje, in li tempi antichi Torra di Sia

a torra di Saone

a listessa torre c a Paglia Orba in fondu

Issi rinforzi n bastanu micca n dissuadenu i predaghji turchi di cuntinu pruv fur tumb. Di sicuru scontranu a risistenza di i paisani, puru micca varrieri di mistieru : u 12 d'aprile di u 1564 scalanu 500 Turchi in Chjuni (ver'di Saone) muntagnanu. S prima ritinuti da i Chidazzesi, eppo' s'affaccanu paisani da Marignana, Arburi, Vicu Rennu. 300 di i Turchi s catturati, dopu stirpati, l'altri si ne fughjenu. Un mese in l accade torna un assaltu da i Turchi : sta volta s 150, tornanu esse vinti custrinti scapp.

Ma malgratu quessa, a fine di u 16imu seculu, e piaghje s tralasciate da veru : e pieve di Sia di Salogna, suvente abbuttate, s arruvinate, quella di Paomia h disarta in lu 1584. Dopu issi malanni, a Republica di Ghjenuva, ch'in lu mentre h turnatu rege l'affari cunfidati l'Uffiziu di San Ghjorghju, dicede d'alz 6 nove torre (fr quelle a torra di Carghjese) , cum' di regula spesa di l'abitanti, tr u 1605 u 1611.

 Ma fattu si st ch'isse misure n arrecanu micca risultati suddisfacenti, 50 anni dopu, e tarre di Sia, Salogna Paomia fermanu guaru, francu Ota in lu Sia.

Nealmente, in lu 1676 h urganizatu in Paomia u stabulimentu d'una cumunit greca di Vitylo, cumposta da 400 famiglie maniotte.

A a fine di u 17u seculu, e pieve di Sia di Sevendentro s abbastanza sviluppate da assicur varantisce u so propiu mantinimentu qualunque sia a sorte : i paesi d'Ota, Cristinacce, Evisa, Chidazzu, u Tassu Marignana s fissati, inchjudati si p d, puru ch'elli n sianu ancu micca difiniti i so tarritorii. Prucedenu l'alizzione di i so uffizieri, "Pudest" "Patri di u Cummunu", s'accoglienu par gere l'affari cummuni urganiz l'abitaculu. Si traduce c u cresce di a cultura di i castagni, ch'anu invaditu tutta l'umbriccia (sopr' 500 metri d'altura) di a valle ( dunque l'intornu di Marignana), di a sfruttera di l'alive di e fighe, ch elli anu cunquistatu a sulana inghj. E coste di u Sia s cunsacrate a biada a e tramutere di e bande.

Certe cummunit s abandunate, invece ch a Piana, Vistale Revinda s custruite torna. In particulare, un Chidazzese, Giovan Tommaso Ceccaldi, torna accup u situ di a Piana accumpagnatu da une poche di famiglie chidazzese. Dipende issa cumunit da Marignana Chidazzu fin' u 1713, quand'ella diventa un paese.

● " E Rivuluzione di Corsica", tr u 1729 u 1769, addibuliscenu u tarritoriu i Grechi s cacciati da Paomia in lu 1730 da i Viculacci, scuntenti di a so prisenza ind'isti lochi ch'elli stimanu soi. Trovanu ascosu in Aiacciu.

Dopu a vendita di a Corsica a Francia da i Ghjinuvesi, h criata a pieve di i "Sevinfuori" ch cuncoglie l'antiche pieve di Sia di Salogna in lu 1771, in lu 1773 h fundata a cit greca di Carghjese.

Isse pieve piglianu u nome di "cantone" in lu 1790, Carghjese h oramai allacciata u "cantone di Sevinfuori". Saranu ancu chjamati sti cantoni "cantone d'Evisa" (Sevindentro) "cantone di a Piana" (Sevinfuori).

In li nostri ghjorni s adduniti in lu "cantone di i Dui Sevi", ch u capilocu ne h a Piana.

 

Vult