c) Situazione e nomi della regione : la pieve e poi il cantone

 

La regione di Marignana stata amministrativamente nominata di maniere diverse per i secoli :

Il primo nome conosciuto per designare la regione ovviamente quello della pieve : Sevendentro, o qualche volta Sevenentro, almeno a partire dal 16o secolo, e secondo il nome del colle a l'entrata della regione (Bocca Seve, 1101 metri).

Nel 1485, si possono contare le comunit di Evisa, delle Cristinacce, di u Pughjolu (frazione di Evisa, oggi scomparso), la Valle (oggi scomparso), u Tassu. Sembra che Marignana e Chidazzu non esistessero ancora in quel tempo.

contiguo con la pieve di Sia, localizzata nel lato nord del fiume u Sia (oggi nominato u Portu) e che comprende le comunit di Curzu, Vetricia (pronuncia : v-tricia), Pinitu (pronuncia : pi-nitu), Sia, Astica (pronuncia : a-stica) e Ota, con quella di Salogna, dove si trovano il Campu, la Piana, la Rimullaccia, Vistale e Revinda e anche con la pieve di Paomia la cui sola localit Paomia.

pianta approssimativo delle pievi a partire dalla fine del 15o secolo

Posizione approssimativa dei paesi e frazioni odierni

Nel 1771 criato un nuovo nome di pieve : il "Sevinfuori" (con Ota e Piana) e che corrisponde dunque alle pievi di Salogna e di Sia  e si tratter dal 1790 in l di "cantone". Ecco sotto i confini dei cantoni  di questa parte della Corsica (i limiti sono cambiati spesso, questo documento esatto oggi, ma approssimativo, e dunque soltanto indicativo in quanto al passato) :


Cartin dei cantoni intorno ai dui Sevi

(cartina dell' INSEE modificata - geoFLAIGN INSEE 2006)

Oggi, questi due cantoni sono stati riuniti, e si parla dei "Dui Sevi".

 Rimarca : a propositu del nome "Sevi"

c' da notare che il nome vero del colle e dunque della regione "Seve" e non "Sevi". Nealmente esso rimane la versione ufficiale ed oggi diffuso anche fra la gente. Si potr spiegare sia dalla "toscanizazione"dei nomi corsi nei  tempi e dal fatto che l'ammistrazione francese lo abbia tenuto, sia dalla pronuncia "Sev'ingrentu" e "Sev'in fora", che avrebbe potuto ingannare la gente facendo credere in un "i" finale, invece di "Seve'ngrentu" e "Seve'n fora" . L'ultima pronuncia, in pi di essere comune nella regione, avrebbe permesso di continuare a sentire l'ultima lettera di Seve, e quindi avrebbe permesso la conservazione della parola giusta.

Alcuni abitanti di questi luoghi lo chiamano qualche volta "u Pumonte" (ci che pu causare una confusione - da vedere qui sotto) : in realt, nello stesso tempo il nome della Corsica sottana intiera e quello della regione ovest sopra a Aiacciu, ma forse perch in contatto diretto con la Corsica soprana ( infatti l' "inizio" della Corsica sottana), e particolarmente con i Niolini , i quali attraversavano la regione per transumare, la regione sar stata nominata cos in contrasto con il Cismonte.

 Il Pumonte delimitato dai colli di Verghju e di Seve all' interno, e dai comuni di Carghjese e di Osani dall'altra parte. dunque contiguo con il mare.

Veduta quasi generale del Pumonte

Leggenda : 1 : Marignana | 2 : colle di Seve (1101 m) | 3 : colle di Verghju (1477 m) | 4 : Carghjese | 5 : Osani | 6 : Evisa | 7 : Portu | 8 : Foresta di Aitone.

 

Rimarca : a proposito della Corsica sottana

● Marignana situato in Corsica sottana, parte sud e delimitata naturalmente dai monti centrali della Corsica, e che ha conosciuto parecchi nomi secondo i secoli :

- 1 ) il "Di l dei Monti" (opposto al "Di qu dei Monti"), o con lo stesso significato "u Pumonte" (opposto a "u Cismonte"). "Di l" e "Di qu" fanno rifarimento alla posizione della Corsica rispetto a Genova.

- 2 ) Si trattava anche di "a Banda di Dentro" (Corsica soprana) e di "a Banda di Fuori" (Corsica sottana)

- 3 ) Questi allontanamenti naturali e differenti da Genova hanno arricato consiguenze in termini di usi e di amministrazione : risulta che si parlava anche in quel tempo di "la Terra del Comune" (con una ripartizione delle terre piuttosto giusta, e sottumessa al peso di Genova, pi vicina, e del suo modo di reggenza) e di " la Terra dei Signori" (in cui il potere scappava a Genova, e andava soprattutto ai "signori" locali).

- 4 ) Anche nel periodo francese , le parti della Corsica hanno cambiato nome :

prima, nel 1790, la Corsica intiera era una sola provincia, ma tre anni dopo, sono state create due province : "u Liamone" per il Pomonte, e "u Golu" per il Cismonte. Tuttavia, nel 1811 si torna a una sola provincia. Finalmente, due province sono messe in posto nel 1976 : "la Corse-du-Sud", e "la Haute-Corse".

In lingua corsa, ci si riferisce in generale con i termini "Corsica suttana" e "Corsica suprnana", o anche "Pumonte" e "Cismonte".

 

Tornare